Concluso con una giornata di vento, finalmente teso e stabile, l’Europeo di vela olimpica delle due classi singolo Laser Standard maschile e Laser Radial femminile a Danzica in Polonia. Due regate per entrambe le flotte Gold e Silver delle due classi. Il bilancio finale dei nostri velisti è positivo, i due risultati di punta sono l’8° posto nel Radial femminile di Silvia Zennaro (Fiamme Gialle) e l’11° di Giovanni Coccoluto nel Laser Standard.

Nel Laser Standard Silver, anche due del CV Portocivitanova. Nel grande parterre presente,  Claudio Natale si è classificato 50esimo, mentre Edoardo Libri ha ottenuto il 55esimo posto.

Nel Laser Radial femminile (107 al via e 8 azzurre) buon finale per la veneta Silvia Zennaro (Fiamme Gialle) (8-19 di giornata) che chiude l’Europeo all’8° posto, centrando l’ingresso nel Gruppo Performance della squadra olimpica azzurra. Il titolo va all’olandese Marit Bouwemeester che recupera nel finale sulla danese Anne-Marie Rindom (rispettivamente oro e argento di Rio 2016), terza l’atleta di casa, la polacca Agata Barwinska.

Il commento di Silvia Zennaro: “Sono contenta del risultato, perché è stato ottenuto in condizioni medio-leggere che non sono le mie preferite. Abbiamo trovato una settimana di vento veramente oscillante, la tensione era alle stelle, dal momento che non si sapeva mai da quale parte sarebbe entrata l’ultima raffica, se da destra o da sinistra. Anche oggi con il vento dal mare, l’imprevedibilità non è mancata e lo si può vedere dai risultati incostanti di tutte. Ora sarà un inverno di preparazione, nonostante le incertezze dovute al coronavirus, il mio obiettivo è fare il meglio e avere la motivazione sempre al massimo.”

Il commento del tecnico Laser Radial Egon Vigna: “E’ stato un campionato difficile e sono molto contento del risultato di squadra, con le nostre nelle prime 25 posizioni su 107 concorrenti e 36 nazioni, è un ottimo bilancio. Sono soddisfatto di come le atlete hanno risposto alle condizioni difficili del campo di regata, con il vento spesso oscillante da terra. Torniamo da qui fiduciosi nel futuro e con i risultati che premiano il lavoro svolto.”