L’importanza della preparazione atletica nello sport della Vela, la sua corretta programmazione e attuazione, ai fini della crescita fisica, della salute e della prevenzione degli infortuni dei giovani atleti, nell’approccio generale alle discipline moderne della vela: è questo l’obiettivo importantissimo di un nuovo programma sulla preparazione atletica delle nazionali giovanili, appena avviato dalla Federvela insieme all’Istituto di Scienza dello Sport del CONI.

Il programma punta a offrire un supporto alla metodologia dell’allenamento per i giovani atleti emergenti, ed è veicolato attraverso i Circoli affiliati, un passo ritenuto fondamentale per cambiare la mentalità e far crescere l’attenzione sul tema a tutti i livelli sul territorio.

L’elemento straordinario del programma è proprio l’interazione con il protocollo dell’ISS, che mette a disposizione le proprie conoscenze e strumentazioni e soprattutto i propri docenti ed esperti: il Dottor Antonio Gianfelici, responsabile Fisiologia dello sport e medico di riferimento dell’ISS, Andrea Cardone responsabile tecnico che coordinerà i preparatori atletici Andrea Di Castro e Francesca Ambruoso.

Da parte della FIV è coinvolto lo staff del settore Giovanile, con il DG Alessandra Sensini e quattro tecnici, Chicco Caricato, Gianluigi Picciau, Mauro Covre e Simone Vannucci, ai quali si aggiunge Luca Parisi, il preparatore atletico federale, il quale ha condiviso con i preparatori CONI le metodologie già usate nella vela.

Il programma nasce per sottolineare l’importanza della preparazione atletica nello sport della vela, e quindi far conoscere i suoi principi base ai giovani Under 19: cosa significa essere atleti, conoscere l’importanza del riposo, dell’alimentazione, dell’approccio psicologico; come e perchè si fanno certi esercizi; la prevenzione degli infortuni; la programmazione della preparazione fisica parallela all’allenamento tecnico in acqua in funzione degli obiettivi sportivi.

Una volta individuati i giovani atleti da parte dello staff tecnico giovanile, il programma è passato attraverso i Circoli affiliati di appartenenza, con i rispettivi allenatori e preparatori atletici e a seguire ai ragazzi, sempre con incontri a distanza. In presenza di allenatori o preparatori atletici si è stabilito un rapporto con i tecnici FIV e CONI, per dare continuità a eventuali programmi già avviati, con un coordinamento più stretto volto a creare standard di lavoro uniformi.

Si parte da test generici di valutazione funzionale dei ragazzi, su forza, elasticità, potenza, endurance, arti superiori e inferiori, core stability per procedere con schede settimanali e tabelle di lavoro progressive. Sono previsti poi incontri e lezioni con i dottori dell’ISS su temi come nutrizione, recupero, modelli funzionali e aspetti fisiologici dell’allenamento, aperte anche agli allenatori e preparatori di Circolo o dei ragazzi, in una logica di grande inclusività e condivisione, che è uno dei punti di forza del programma.

Il timing prevede la chiusura di un primo ciclo in cinque settimane: a fine gennaio 2021 verrà fatto un punto della situazione e aggiornato il programma. In questa prima fase il programma ha già coinvolto un totale di 85 atleti (46 Under 19 e 39 del programma Youth Olympic), per sei classi giovanili comprendenti derive in doppio, in singolo, tavole e catamarano (420, Nacra 15, 29er, Laser, windsurf e kite) oltre quelle olimpiche, e di 67 tecnici di Circolo (38 allenatori e 29 preparatori atletici).

Giampiero Pastore, Direttore Istituto di Scienza dello Sport CONI: “Come Istituto di Scienza dello Sport a noi fa molto piacere iniziare queste collaborazioni anche perchè rispecchiano esattamente quello che è il nostro ruolo e ciò che vogliamo essere in rapporto con le federazioni, cioè cercare di dare il supporto tecnico-scientifico laddove è possibile. Inoltre far partire un progetto del genere, con un coinvolgimento così largo di tutte le nazionali giovanili e con tutti i loro tecnici è bellissimo, perché da modo di monitorare la costante crescita degli atleti anche di chi si affaccia all’attività nazionale o internazionale. Noi daremo come sempre il massimo sostegno. La FIV è la prima federazione che parte con un programma di questo tipo così importante, posto poi in essere anche in alcuni settori assoluti e giovanili di altri sport, e altre federazioni si stanno organizzando perchè è piaciuto molto.”

Alessandra Sensini, Direttore Giovanile FIV: “La Vela ormai da anni è uno sport nel quale la preparazione atletica è sempre più importante e fondamentale per l’agonismo, per questo va proposta nel migliore dei modi sin dall’inizio dell’attività, è decisivo un approccio corretto per la costruzione del fisico adatto alle caratteristiche prestative che serviranno poi per le discipline olimpiche. Sono particolarmente contenta perchè questa è un’occasione per iniziare una crescita culturale dentro al nostro sport. Ho sempre creduto nella forza della condivisione delle conoscenze, e oggi con il CONI abbiamo la possibilità di accedere a competenze eccezionali e scambiare informazioni anche con altre federazioni. Iniziare a tessere una rete è importante già nell’età giovanile, perché l’età agonistica si sta abbassando“.

Francesco Ettorre, Presidente FIV: “Lavorare sullo sport oggi è sempre più una questione di programmazione e saper anticipare i tempi e le esigenze diventa basilare. Siamo orgogliosi di essere la prima Federazione a dare avvio a un programma ambizioso rivolto al comparto giovanile che beneficia dell’estrema professionalità ed esperienza di uomini e strutture dell’Istituto di Scienza dello Sport. E’ la conferma dell’impegno del nostro settore tecnico e degli ottimi rapporti con le eccellenze del Comitato Olimpico nazionale.”